Tag

, ,

gaioshake

“William Shakespeare”, ritratto di John Taylor

Nei 400 anni dalla morte di William Shakespeare (Stratford on Avon 23 aprile 1564 – Stratford on Avon 23 aprile 1616), abbiamo pensato di rendere omaggio al grande drammaturgo e poeta inglese attraverso le sue stesse parole.

IMG_0723 bis.jpg

foto di Loredana Semantica

 

GIULIETTA
O Romeo, Romeo! Perché tu sei Romeo?
Rinnega dunque tuo padre e rifiuta quel nome,
o se non vuoi, lègati al mio amore
e più non sarò una Capuleti.

ROMEO
Devo rispondere o ascoltare ancora?

GIULIETTA
Solo il tuo nome è mio nemico: tu, sei tu,
anche se non fossi uno dei Montecchi.
Che cosa vuol dire Montecchi? Nè mano,
non piede, nè braccio, nè viso, nulla
di ciò che forma un corpo. Prendi un altro nome!
Che c’è nel nome? Quella che chiamiamo rosa,
anche con altro nome avrebbe il suo profumo.
Anche Romeo senza più il suo nome
sarebbe caro, com’è, e così perfetto.
Rinuncia al tuo nome, Romeo, e per il nome,
che non è parte di te, prendi me stessa.

ROMEO
Ti prendo sulla parola, chiamami solo amore,
e avrò nuovo battesimo; ecco, non mi chiamo più Romeo.

GIULIETTA
Chi sei tu che difeso dall’ombra della notte
entri nel mio chiuso pensiero?

ROMEO
Con un nome non so dirti chi sono:
odio il mio nome che ti è nemico,
straccerei il foglio dove fosse scritto.

GIULIETTA
Il mio orecchio non ha bevuto cento parole
di quella voce, e già ne riconosco il suono.
Non sei Romeo, uno dei Montecchi?

ROMEO
Né l’uno, mia bella fanciulla, nè l’altro,
se non ti è caro nè l’uno nè l’altro.

GIULIETTA
Come, perché, sei giunto fino a qui?
Alti sono i muri del giardino e aspri
da scalare; e se qualcuno ora ti scopre,
se penso chi sei, questo è luogo di morte.

ROMEO
Con le ali leggere d’amore volai su questi muri:
per amore non c’è ostacolo di pietra,
e ciò che amore può fare, amore tenta:
non possono fermarmi i tuoi parenti.

GIULIETTA
Se ti vedono qui ti uccideranno.

ROMEO
Ahimè! Il pericolo è più nei tuoi occhi
che non in venti delle loro spade:
se mi guardi con dolcezza, sarò forte
contro il loro odio.

GIULIETTA
Non vorrei
che ti vedessero qui, per tutto il mondo.

ROMEO
Il manto della notte mi nasconde: ma se non mi ami,
lascia che mi trovino. Meglio che il loro odio
tolga la mia vita, e non che la morte tardi
senza il tuo amore.

William Shakespeare, Le tragedie, Romeo e Giulietta, atto II scena II, trad. di S. Quasimodo

Annunci