Tag

gianni_morandi_5

Non son legno di te
ma son foglia di tè
sono seme di me
come un’aria di bach
me ne fuggo da te
per riassumermi in me
come un organo che
in ginocchio da te
fa dell’ autodafè
per scaldarsi il popò

*

Non son legno di te
sono solo l’abaco
da cui staccavi
la paroletta invano.

*

Non son Renzo di te
né legno, né ramo del lago
né mago del fico
né bravo, né don Rodrigo
ma abbondo in legnate schivate
in botte ammaccate
sonore bastonate che ricevo soave
e che stivo, lucido e recidivo
corrivo compongo da solo
il più corrosivo dei versi.
Lucia è una innominata nostalgia
sulla riva sinistra del ramo.

*

non son legno di te
più niente di me è l’albero
più niente di te è mia carne
siamo fatti frutto e corteccia
ma conservo ancora memoria
del tuo scheletro nel seme che nascondo
e tu di me l’aspro del sapore
nel succo del bacio che ci legava al ramo
non sono quel fiore tuo colorato
che tanto amavi sventolare
né quel bocciolo indurito dal gelo
e del frutto di cui ognuno è stato
e di ogni seme, in un giorno ventoso
sarà fatta fiamma.

Francesco Tontoli

Annunci